Restauro del Cenacolo Palladiano
Edifici per attivitĂ  culturali e ricreative
aMDL - Michele De Lucchi
Giovanna Latis (project leader), Agnieszka Burdajewicz; Riccardo Spagnol (model maker)
2008, ottobre
2011, dicembre
2012, aprile
  Inaugurazione: 11 aprile 2012
Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore
Fondazione Giorgio Cini Onlus
Restauro: Innocente e Stipanovich
Realizzazione pavimentazione e boiserie: Minuti Arredamenti
M. Altieri, Il restauro del Cenacolo Palladiano, "Lettera da San Giorgio", Fondazione Giorgio Cini, Venezia, n. 26, marzo-agosto 2012
G. Pastega, Torna “nuovo” il Cenacolo Palladiano, “Il Piccolo”, Trieste, 12 aprile 2012, p. 42
S. Frigo, San Giorgio, nuovo look per il Cenacolo ferito, “Il Gazzettino”, Venezia, 12 aprile 2012, p. 26
C. Arcari, Il Palladio secondo De Lucchi, "Italia Oggi", Milano, 28 marzo 2012, p. 27
G. Beltramini, Palladio con il parquet?, “Il Sole 24 Ore”, Milano, 20 maggio 2012, p. 38
M. De Lucchi, Legno flessibile per Palladio, “Il Sole 24 Ore”, Milano, 27 maggio 2012, p. 35
P. Pan., Finito il restauro di De Lucchi riapre il Refettorio palladiano, "Corriere della Sera", Milano, 6 aprile 2012, p, 47
E. Tantucci, Il Cenacolo Palladiano rivive con il legno una nuova prospettiva, "La Nuova", Venezia, 12 aprile 2012, p. 42
L'isola di S. Giorgio apre il Cenacolo palladiano, "Il Giornale di Vicenza", Vicenza, 12 aprile 2012, p. 47
A. D'Este, Cini, rinasce il cenacolo di Palladio, "Corriere del Veneto" Padova-Rovigo, 12 aprile 2012, p. 21
S. F., "Non c'è conservazione senza trasformazione", "Il Gazzettino", Venezia, 12 aprile 2012, p. 26
C. de Seta, Letture veneziane, "AD. Architectural Digest", Milano, luglio 2012, pp. 52-54  
La Biennale di Venezia Esposizione Internazionale di Architettura, Metamorph, "Notizie dall'interno", Venezia (Italia), 12 settembre - 7 novembre 2004
Cenacolo: 325 mq
Anti-Cenacolo: 70 mq

aMDL ha realizzato il progetto architettonico e di allestimento preliminare, definitivo ed esecutivo, seguito la Direzione Artistica

Direzione Lavori 1° lotto (restauro, impianti e pavimentazione in legno): ing. Pozzato, Magistrato alle acque di Venezia
Progetto di restauro definitivo ed esecutivo, Direzione Lavori 2° lotto (boiserie): Alessandro Pedron
Progetto impiantistico definitivo ed esecutivo: Studio Tecnico Associato Multimpianti

Entrare nel Cenacolo Palladiano è come immergersi in un ambiente che, per l’abbondanza di valori architettonici e pittorici e per la spaziosità magnificente, spinge inesorabilmente ad alzare la testa e a elevarsi all’altezza delle grandi finestrature, del grande dipinto, dell’alta volta.
È uno spazio tutto proiettato verso il cielo, le profonditĂ  prospettiche, la volta celeste. La nuova pavimentazione riequilibra le proporzioni: è un palcoscenico dal qual ammirare tanta meraviglia, di legno solido, massello, prezioso, fatto oggi con la memoria di ieri.
L’intervento nella sala del Cenacolo Palladiano consiste in un nuovo strato sovrapposto al pavimento attuale, di fatto una nuova pavimentazione e una nuova boiserie a parete, che non intaccano le strutture esistenti ma conferiscono allo spazio una nuova flessibilitĂ  d’uso e una rinnovata immagine.
La boiserie è staccata dalla parete e si mantiene al di sotto del filo delle finestre e del dipinto, permettendo di realizzare vani tecnici lungo le pareti per la realizzazione di nuovi impianti di riscaldamento e condizionamento.
L'illuminazione dall'alto, al di sopra del cornicione Palladiano, illumina il pavimento e il dipinto del Veronese "Le nozze di Cana".
La vasca in legno di noce e rovere che unifica pavimento e boiserie in un unico effetto materico spinge gli occhi verso l’alto, e offre un adeguato spazio per la realizzazione degli impianti e la conseguente libertà nell’uso della sala.

On entering the Cenacolo Palladiano, you merge with so much architectural and pictorial splendour and spacious magnificence that your gaze is inexorably lifted to its imposing windows, famous painting and lofty vault.
Indeed this is a space all projected towards the sky, elevated perspectives and a celestial vault. The new floor rebalances its proportions, as a stage from which to admire the marvels above. Made today, in solid, precious heartwood, it is reminiscent of the past.
Our project for the Cenacolo Palladiano consists of a new layer of flooring, superimposed on the existing one. The result is in reality a new floor and a new panelled wall, without detracting from the existing structures. Instead, the interior is endowed with a practical new flexibility and renewed image.
The boiserie is detached from the wall and stops at the bottom level of the windows and of the painting. In this way hollow spaces are provided along the walls, in which the new heating and conditioning systems are housed.
The overhead lighting, from above the Palladian cornice, illuminates the floor and Veronese’s Marriage at Cana. The vertical continuation of the walnut and oak flooring into the wall, panelled in the same wood, creates a united material effect which lifts the eye upwards. It also makes enough space available to house the systems, leaving the room free to be used as desired.
(Michele De Lucchi, aprile 2012)
   
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
Ph. Matteo De Fina, fotografia digitale
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
Ph. Matteo De Fina, fotografia digitale
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
Modello
Ph. Enrico Conti, fotografia digitale
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
Michele De Lucchi, matita su lucido
 
Michele De Lucchi, con Giovanna Latis, Agnieszka Burdajewicz e Riccardo Spagnol, Restauro del Cenacolo Palladiano, Fondazione Giorgio Cini Onlus, Venezia (Italia), Isola di S. Giorgio Maggiore, 2008 - 2012
Michele De Lucchi, matita su lucido
 

indietro

torna alla ricerca


invia e-mail con PDF

download PDF