Uffici Giorgio Armani
Edifici per uffici
Michele De Lucchi
Paola Silva Coronel
2000
2001
2001
Milano (Italia), via Bergognone 59
Giorgio Armani S.p.A.
Marcora
A. Foppiano, Armani/Architettura - Tadao Ando + Michele De Lucchi + Giancarlo Ortelli a Milano, “Abitare”, n. 414, Febbraio, 2002
Milano 2001, allegato, “Casabella”, n. 690, giugno 2001

F. Bulegato, S. Polano, Michele De Lucchi. Comincia qui e finisce lĂ , Electa, 2004
8.900 mq
Progetto preliminare, definitivo e dir. artistica.

Il carattere degli uffici è dato dall’omogeneità dei materiali, modulati sui toni del grigio, con grandi superfici vetrate fisse e mobili, sia trasparenti che opache.Sono stati realizzati nuovi arredi su disegno: armadi contenitori di diverse altezze, tavoli e scrivanie componibili, cassettiere.
Nel 2000 Giorgio Armani affida contemporaneamente a due architetti di respiro internazionale la sistemazione della nuova sede della sua casa di moda, in via Bergognone a Milano, un’area occupata da anonimi fabbricati industriali appartenuti alla Nestlè, che occupano oltre 10.000 mq di superficie a uno o a due piani. I due architetti coinvolti sono Tadao Ando e Michele De Lucchi. Mentre il primo realizza il progetto del teatro per l’allestimento delle sfilate e della sala per i ricevimenti, De Lucchi si occupa della riqualificazione degli interni da adibire a spazi operativi, come showroom, laboratori di sartoria, uffici, ambienti di rappresentanza e magazzini.Sebbene ogni fabbricato sia destinato a un singolo marchio del gruppo Armani, non esiste divisione forzata ma comunione nella differenziazione come concept progettuale. La disposizione degli edifici privilegia infatti la continuità: le finestre che si affacciano sul cortile interno sono state ampliate a tutta altezza, gli ingressi sono caratterizzati da porte scorrevoli con ampie vetrate, le solette tra i piani sono state tagliate per definire livelli intermedi, mentre nel corpo centrale degli uffici è stato realizzato un camminamento sopraelevato, costituito da scale e passaggi a ponte che qualificano l’intera struttura.

In 2000, Giorgio Armani asked Tadao Ando and Michele De Lucchi to design his new Atelier in Bergognone Street in Milan on the site of anonymous industrial buildings arranged on one or two floors, onced owned by NestlĂ©, which extended over 10.000 squared meters of land. The former architect developed the project for the theatre for fashion shows and the reception hall, while the latter had the task to renovate the interiors, converting them into working areas such as showrooms, tailor workshops, offices, representation spaces and warehouses. 
Although each building is devoted to one of the Armani Group brands, there is no strong differentiation among them from a conceptual point of view. The arrangement of the buildings enhances continuity: the windows facing the internal courtyard are made full-height; the entrances are characterized by large, glass sliding doors; the slabs between floors are cut to define intermediary floors, while the offices’ area is crossed by a raised pathway consisting of stairs and bridges which qualifies the whole complex.
   
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Ph. Paola Silva Coronel, fotografia digitale
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Ph. Paola Silva Coronel, fotografia digitale
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Ph. Paola Silva Coronel, fotografia digitale
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Ph. Paola Silva Coronel, fotografia digitale
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Ph. Paola Silva Coronel, fotografia digitale
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Modello in scala
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Modello in scala
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
Modello in scala
 
Uffici Giorgio Armani, , Milano (Italia), 2000 - 2001
Modello in scala
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
 
Uffici Giorgio Armani, Milano (Italia), 2000 - 2001
 

indietro

torna alla ricerca


invia e-mail con PDF

download PDF