Centro Informazione Giubileo 1
Edifici per attivitĂ  culturali e ricreative - Centri e complessi turistici
Michele De Lucchi
1998
1998
1998
Museo del Risorgimento, Vittoriano, Roma (Italia)
Agenzia Romana per il Giubileo
Michele De Lucchi a Roma – Centro di Informazione per Il Giubileo, “Abitare”, n. 391, gennaio, 2000
In occasione del Giubileo, l’Agenzia che si è occupata di organizzare e predisporre la città di Roma per il previsto arrivo di un grande numero di persone, ci ha richiesto di allestire i Centri di Informazione. I Centri che hanno il compito di costituire un luogo di riferimento e di orientamento per tutti i pellegrini saranno presumibilmente tre. Il primo è stato inaugurato nel Giugno 1998 nelle sale prospicienti il Museo del Risorgimento in P.zza San Pietro in Carcere, nelle vicinanze di P.zza del Popolo. Lo abbiamo concepito come un luogo di informazione telematico presidiato però da delle persone che guidano e orientano il visitatore: un percorso espositivo e una sala conferenze completano il Centro.

Il secondo è quello in fase di allestimento in V.le della Conciliazione e il terzo sarà realizzato nell’ala Mazzoniana alla Stazione Ferroviaria Centrale Termini.

Il Centro in V.le della Conciliazione è sicuramente il più importante sia per la posizione che per la dimensione. V.le della Conciliazione conduce dal Tevere direttamente a P.zza San Pietro e alla Basilica del Vaticano e il Centro è sistemato proprio all’inizio del viale sulla destra con ampie vetrine sulla strada. L’interno è composto da un piano a più livelli a quota terra e da due piani interrati.

Abbiamo cercato di dare a questo luogo più luce e spazio possibile: abbiamo sfondato tutte le pareti intermedie creando un unico grande spazio collegato anche visibilmente con i piani inferiori attraverso il grande vuoto delle scale. Il Centro è equipaggiato con numerose attrezzature informatiche che permetteranno di accedere a tutte le informazioni direttamente, senza intermediari e guidati da software di navigazione particolarmente semplici e intuitivi. E’ però dotato anche di un bancone con cinque postazioni di lavoro per un rapporto con personale addetto all’organizzazione del Giubileo. Sarà possibile infatti accedere a qualsiasi notizia sugli eventi e sui programmi delle manifestazioni, nel caso prenotare o ottimizzare il percorso delle visite.
Il Centro funzionerà anche come punto di incontro ed è fornito di sale riunioni e una sala per conferenze che si prevede sarà utilizzata anche per le relazioni con la stampa. Queste sale e questi servizi sono collocati nei piani interrati.

Nella parte più interna al piano terra è collocato il Museo degli Strumenti Musicali dove viene presentata una selezione della ricchissima collezione di antichi e preziosi strumenti che il Conservatorio di S. Cecilia possiede e conserva da molti anni. Al Museo si accede attraverso una rampa che conduce ad un piano rialzato completamente circoscritto da grandi vetrine che dal pavimento chiudono sino al soffitto. Sono state allestite da aziende specializzate per la corretta esposizione e manutenzione di questi fragili oggetti: al di là delle vetrate di protezione perfettamente sigillate, l’atmosfera è controllata nella temperatura e nell’umidità.

Tutto è realizzato con materiali e colori chiari e tutto partecipa a trasmettere un senso di trasparenza e modernità. Pareti e soffitto sono verniciate semplicemente di bianco, il pavimento è in pietra di trani, le strutture sono in ferro verniciato e i vetri si alternano con parti trasparenti e parti sabbiate per evidenziare dove necessario spazi od oggetti.
Particolare attenzione è stata data all’illuminazione per ottenere un luogo luminoso senza però penalizzare l’utilizzo dei video dei computer.
   
 
Michele De Lucchi, con Enrico Quell e Gladys Escobar, Centro Informazioni per il Giubileo, Roma (Italia), 1998
 
Michele De Lucchi, con Enrico Quell e Gladys Escobar, Centro Informazioni per il Giubileo, Roma (Italia), 1998
 

indietro

torna alla ricerca


invia e-mail con PDF

download PDF